Mille euro per una "stanza degli abbracci" a Puos D'Alpago

È l’iniziativa di Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil per sostenere la casa di riposo Centro Servizi Socio Assistenziali di Puos D’Alpago, duramente colpita dal Covid e dal maltem


La stanza degli abbracci alla casa di riposo di Castelfranco Veneto

Belluno, 4 gennaio 2021 - Una stanza degli abbracci per gli ospiti della casa di riposo Centro Servizi Socio Assistenziali di Puos D’Alpago (Belluno). È la proposta di Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil di Belluno, che insieme alle rispettive associazioni di volontariato Auser, Anteas e Ada Cadore hanno messo a disposizione mille euro per la realizzazione dello spazio dedicato.


Un gesto concreto per tendere la mano ad una delle strutture che più sta soffrendo in queste settimane: al numero enorme di positivi (uno dei più altri tra le Rsa del bellunese) si sommano infatti i gravi danni causati dal maltempo, che all’inizio di dicembre ha costretto la direzione a trasferire tutti gli ospiti in altre strutture.


Una tragedia nella tragedia, che aggiunge sofferenza e tristezza ad un periodo già di per sé estremamente delicato. Di qui l’iniziativa di Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil che, visto il successo avuto in altre strutture, hanno proposto di inserire, tra i lavori per rendere nuovamente agibile l’edificio, anche la creazione di una “stanza degli abbracci”. Un ambiente separato da una membrana trasparente, che permette alle persone in isolamento di incontrare e abbracciare, in piena sicurezza, i propri cari, restituendo – anche se filtrato dal velo trasparente –quel contatto fisico di cui la pandemia ci sta privando da quasi un anno.


La vicinanza dei propri cari è per molti anziani la miglior medicina, ma la necessità di preservare la salute (pubblica e degli anziani in particolare) ha imposto regole di prevenzione molto severe, che hanno portato per lungo tempo anche all’interdizione delle visite. Una decisione sicuramente necessaria, che tuttavia ha acuito la solitudine profonda di molti anziani ed anziane.


Ecco, allora, la proposta dei sindacati pensionati di Belluno, che hanno già raccolto anche la cifra di mille euro per trasformare l’idea in realtà. La proposta è già stata condivisa con la direzione della casa di riposo, che l’ha positivamente accolta.