• Uil Pensionati Veneto

Vicenza, Comune e sindacati insieme per la tutela dei più fragili



Firmato il protocollo d'intesa fra Comune di Vicenza e organizzazioni sindacali per una migliore gestione delle risorse a favore dei bisogni dei cittadini.


Il protocollo è stato firmato il 16 luglio in sala Stucchi dall'assessore alle politiche sociali Matteo Tosetto, dai segretari provinciali di Cisl, Raffaele Consiglio, di Fnp Cisl, Mario Siviero, di Cgil, Giancarlo Puggioni, di Spi Cgil, Chiara Bonato, di Uil, Enrico Bianchi e di Uilp Uil Roberto Merlo.


Con la firma del protocollo le parti si impegnano a ritrovarsi, con il perdurare dell'emergenza sanitaria e con l'aggravarsi di quella sociale, per avviare un confronto sull'utilizzo delle risorse.

Inoltre propongono di migliorare la concertazione tra Comune e organizzazioni sindacali per rendere più efficace la lettura dei bisogni e così definire meglio quali azioni poter attivare per rispondere alle reali nuove difficoltà delle persone.

Approfondiranno il confronto chiarendo obiettivi e priorità in primo luogo relativamente alla distribuzione equa delle risorse.

Infine istituiranno un tavolo di confronto per discutere di tutti i temi individuati.


"La decisione di approntare un protocollo d'intesa è giunta dopo diversi incontri per discutere di politiche sociali cittadine - ha spiegato l'assessore alle politiche sociali Matteo Tosetto -. Si è evidenziato come il Paese, e quindi Vicenza, stia affrontando una crisi senza precedenti a seguito del Covid19, e nonostante le azioni di contrasto messe in atto a tutti i livelli. Pertanto è necessario unire le forze per supportare non solo le persone già in carico ai servizi sociali ma anche coloro che per la prima volta si trovano in difficoltà a causa della pandemia. Il confronto ha interessato più che altro le nuove fragilità emerse a seguito del Covid19, le politiche attive verso anziani, giovani, famiglie e persone con disabilità oltre che non autosufficienti, minori, persone con problemi di dipendenza e senza fissa dimora. A tal fine si è riflettuto anche sulla riorganizzazione dei servizi socio-assistenziali e sull'integrazione con il servizio socio sanitario pubblico, sulle politiche di genere e sull'attuazione di scelte finalizzate a rafforzare la gestione dei servizi sociali attraverso gli ambiti territoriali".


Tra gli strumenti, nell'ambito del protocollo (nel 2021 pari a 14.903.443 euro), verrà utilizzato il bilancio di previsione dell'assessorato alle politiche sociali, per l'approvazione del quale, fin dal prossimo bilancio, è previsto un confronto. Poi l'Isee, fondamentale per l'erogazione di prestazioni e agevolazioni economiche.


Si terrà conto delle priorità delle aree famiglia, disabilità, anziani e politiche abitative.


Inoltre verranno attivati osservatori trilaterali (Ulss, Comuni e organizzazioni sindacali) per monitorare l'attuazione del Piano Socio-Sanitario Regionale e il rapporto di integrazione tra il servizio ospedaliero e i servizi sul territorio.